• La Grecia ‘ruba’ l’orologio al Big Ben: “E’ ciò che hanno fatto gli inglesi con le sculture del Partenone”

    Posted on ottobre 26, 2014 by in News

    <br />
<p><br />
<?EM-dummyText Didascalia></p>
<p></p></p>
<p>

     

    Un Big Ben da cui è scomparso l’orologio, portato ‘in salvo’ dallo smog londinese da un miliardario greco che lo vuole “preservare”. Restituirlo per farlo tornare al suo posto? Non se ne parla proprio, al massimo “ve lo posso prestare per alcuni giorni”.

    E’ il video-provocazione greco che sta facendo il giro del web, pensato per la campagna ‘Bring theme back’ che chiede la restituzione delle sculture del Partenone portate a Londra oltre due secoli fa e custodite al British Museum.

    Dopo un finto tg in cui si dà la notizia della scomparsa dell’orologio dal Big Ben e la giornalista intervista il magnate greco che lo tiene in giardino, il video-spot si fa serio: “Avete trovato questa storia divertente ma assurda? In realtà è esattamente ciò che la Grecia ha subito. Circa 200 anni fa, un ambasciatore inglese, lord Elgin, ha fatto tagliare e rimuovere un numero significativo di sculture di inestimabile valore storico e archeologico dal Partenone. La maggior parte di queste sono ora custodite al British Museum che si rifiuta di restituirle. ‘Bring theme back'”.

    Paladina della campagna greca si è fatta anche la neo-sposa di George Clooney, Amal Ramzi.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostate su "Consenti cookie" per darvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Se si continua a utilizzare questo sito Web senza modificare le impostazioni dei cookie o fai clic su "Accetto" acconsenti a questo. Cookie Policy I cookies sono piccoli file di testo che vengono depositati sul vostro computer per aiutare il sito a fornire una migliore esperienza utente. In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente, memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa, e di fornire dati di monitoraggio anonimi per applicazioni di terze parti come Google Analytics. Come regola generale, i cookie renderanno la vostra esperienza di navigazione migliore. Tuttavia, si può scegliere di disabilitare i cookie su questo sito e su altri. Il modo più efficace per farlo è quello di disabilitare i cookie nel tuo browser. Noi suggeriamo di consultare la sezione della Guida del tuo browser. Più in dettaglio i diversi utilizzi dei cookie sono dunque: Per riempire il carrello della spesa virtuale in siti commerciali (i cookie ci permettono di mettere o togliere gli articoli dal carrello in qualsiasi momento). Per permettere ad un utente il login in un sito web. Per personalizzare la pagina web sulla base delle preferenze dell’utente (per esempio il motore di ricerca Google permette all’utente di decidere quanti risultati della ricerca voglia visualizzare per pagina). Per tracciare i percorsi dell’utente (tipicamente usato dalle compagnie pubblicitarie per ottenere informazioni sul navigatore, i suoi gusti le sue preferenze. Questi dati vengono usati per tracciare un profilo del visitatore in modo da presentare solo i banner pubblicitari che gli potrebbero interessare). Per la gestione di un sito: i cookie servono a chi si occupa dell’aggiornamento di un sito per capire in che modo avviene la visita degli utenti, quale percorso compiono all’interno del sito. Se il percorso porta a dei vicoli ciechi il gestore se ne può accorgere e può migliorare la navigazione del sito.

Chiudi